A CAMBIAGO APRE VARIANTE ANTITRAFFICO DA 5 MILIONI DI EURO CON ANNESSA PISTA CICLABILE. LANCIATA LA VOLATA VERSO CONSEGNA ENTRO LA PRIMAVERA DELLE OPERE CONNESSE AD A58-TEEM

///A CAMBIAGO APRE VARIANTE ANTITRAFFICO DA 5 MILIONI DI EURO CON ANNESSA PISTA CICLABILE. LANCIATA LA VOLATA VERSO CONSEGNA ENTRO LA PRIMAVERA DELLE OPERE CONNESSE AD A58-TEEM

A CAMBIAGO APRE VARIANTE ANTITRAFFICO DA 5 MILIONI DI EURO CON ANNESSA PISTA CICLABILE. LANCIATA LA VOLATA VERSO CONSEGNA ENTRO LA PRIMAVERA DELLE OPERE CONNESSE AD A58-TEEM

Milano, 18 febbraio 2016 – Aria di primavera, stagione di sprint per la consegna entro maggio delle opere a percorrenza gratuita connesse ad A58-TEEM, l’Autostrada Agrate Brianza-Melegnano (32 chilometri raccordati a nord con l’A4 Torino-Venezia, al centro con l’A35 BreBeMi e a sud con l’A1 Milano-Napoli) inaugurata il 16 maggio 2015.

E, mulinando sui pedali con la foga tipica dei pistard, oggi la Concessionaria Tangenziale Esterna SpA e il Consorzio Costruttore Norte (Lotto A) hanno aggiunto l’ennesimo tassello al completamento dei 38 chilometri di strade ordinarie e dei 30 chilometri di piste ciclabili che, insieme con A58-TEEM, costituiscono l’infrastruttura-sistema nata con l’obiettivo di fluidificare la circolazione lungo il congestionatissimo quadrante est-sud dell’Area Metropolitana.

Alle 14 è stata, infatti, aperta al traffico anche la Variante tagliacode di Cambiago (1,3 chilometri) alla Strada Provinciale 176 Bellusco-Gessate, un asse che, come sanno migliaia di pendolari, è troppo spesso bloccato da incolonnamenti tali da comportare un aumento esponenziale dei tempi di percorrenza soprattutto in corrispondenza dei Comuni del Milanese lambiti.

La Bretella, per espressa richiesta dell’allora Provincia di Milano e del Comune di Cambiago alla firma dell’Accordo di Programma e dopo la sigla dell’intesa, risulta corredata da una pista ciclabile (700 metri) che, in sede protetta, si snoda in parallelo al collegamento viario.

All’entrata in esercizio della Variante, scandita da un informale taglio del nastro e dalla rimozione delle barriere che, sino alla tarda mattinata, hanno impedito a pendolari e autotrasportatori di percorrere l’arteria ultimata a fine novembre e sottoposta a collaudo prima di Natale, hanno preso parte, tra gli altri, il consigliere della Città Metropolitana di Milano con delega alla Mobilità Arianna Censi, il sindaco di Cambiago Silvano Brambilla, il vicesindaco Maria Grazia Mangiagalli, l’assessore ai Trasporti Rocco Antonio Morini, il direttore d’esercizio di A58-TEEM Federico Lenti e il direttore dei cantieri di Norte Maurizio Corradi.

La realizzazione della Bretella, che, intersecando due rotonde al di fuori dall’abitato di Cambiago, previene le file in cui, per trent’anni, sono incappati automobilisti e autotrasportatori e garantisce sicurezza ai ciclisti, ha comportato un investimento complessivo di cinque milioni di euro.

Com’è avvenuto riguardo ciascuna delle opere viarie a percorrenza gratuita connesse ad A58-TEEM, che, chissà per quanti decenni ancora, sarebbero rimaste nel mondo delle idee senza la costruzione di un’innovativa arteria a pedaggio, il finanziamento della Variante di Cambiago è stato sostenuto per l’85% dagli stessi soggetti privati in grado di mettere a disposizione i quasi due miliardi di euro necessari per realizzare l’Autostrada.

L’entrata in esercizio della Bretella, che viene presa in carico per la gestione dalla Città Metropolitana di Milano, segue, di due-tre mesi, vari «battesimi» di nuove Provinciali e Comunali (tanto per citare le aperture più significative, la Tangenziale di Zelo Buon Persico con annesse due piste ciclabili e la Variante alla SP 13 Monza-Melzo tanto per citare le aperture più recenti) e anticipa, di qualche settimana, la consegna di altri, attesissimi interventi.

La Concessionaria ha, d’altra parte, lanciato la volata verso lo striscione d’arrivo rappresentato dall’inaugurazione entro maggio della Variante a Caleppio di Settala alla SP 39 «Cerca» (sette milioni di euro per 1,3 chilometri, l’infrastruttura è stata ultimata e collaudata prima di Natale e aspetta la presa in carico per la gestione), della Bretella a Melegnano-San Giuliano Milanese-Colturano tra la SP 39 «Cerca» e la SP 40 «Binasca» (25 milioni di euro per 1,6 chilometri), della Connessione a Cerro al Lambro-Vizzolo Predabissi tra la SP 17 «Santangiolina» e la SS 9 «Via Emilia» (40 milioni di euro per 1,9 chilometri) e della Provinciale a Melegnano-Cerro al Lambro tra la SP 17 «Santangiolina» e la SP 40 «Binasca» (16 milioni di euro per 3,5 chilometri).

«In virtù dello sprint impresso ai lavori subito dopo l’entrata in esercizio dell’Autostrada – ha dichiarato, nel pomeriggio, il direttore d’esercizio Federico Lenti -, la Concessionaria e i Costruttori stanno rispettando l’impegno di aprire, nel pieno rispetto del cronoprogramma, le opere a percorrenza gratuita integrate ad A58-TEEM. Credo che si tratti di uno dei rarissimi casi in cui l’inaugurazione di un’arteria a pedaggio accelera la costruzione delle strade a percorrenza gratuita invece che rallentarla».

SCARICA IL COMUNICATO COMPLETO [PDF]

2016-02-18T16:56:44+00:00 febbraio 18th, 2016|Comunicati stampa|