FUGA DALLE POLVERI SOTTILI CON LE GITE FUORIPORTA AUTO-PIU’-BICI LUNGO A58-TEEM

Home/Media/Notizie/FUGA DALLE POLVERI SOTTILI CON LE GITE FUORIPORTA AUTO-PIU’-BICI LUNGO A58-TEEM

FUGA DALLE POLVERI SOTTILI CON LE GITE FUORIPORTA AUTO-PIU’-BICI LUNGO A58-TEEM

 
27 ottobre 2017

Ponte di Ognissanti all’insegna non solo dell’allerta smog nelle città ma pure delle gite fuoriporta lungo il tracciato di A58-TEEM, che, com’è noto, dà accesso anche a 35 chilometri di nuovi percorsi ciclopedonali ideali per sottrarsi alle polveri sottili scoprendo, nel contempo, notevoli tesori ambientali e architettonici.

In attesa del 1° Novembre, già questo fine settimana schiude, del resto, agli appassionati delle escursioni auto-più-bici una via, anzi un’Autostrada, di fuga dalle concentrazioni di Pm10 che sono tornate a salire in molti capoluoghi del Nord e hanno costretto gli Enti locali a reiterare limitazioni del traffico in diversi centri abitati.

Tutti i caselli di A58-TEEM (33 chilometri da Melegnano ad Agrate Brianza connessi a sud con A1 Milano-Napoli, al centro con A35-BreBeMi e a nord con A4 Torino-Trieste) distano, infatti, pochi metri dalla rete di mobilità dolce realizzata grazie agli investimenti sostenuti dai Soci privati della Concessionaria Tangenziale Esterna SpA.

E sono proprio i funzionali raccordi tra i percorsi ciclopedonali e le uscite di Vizzolo Predabissi, Paullo, Pozzuolo Martesana, Gessate e Pessano con Bornago che valorizzano A58-TEEM di fronte a quanti intendono immergersi nella Natura dopo aver percorso un’Autostrada fluida, parcheggiato i mezzi in sicurezza e scaricato le biciclette.

Lo sconto del 20% sui pedaggi, che viene riservato ad automobilisti, autotrasportatori e motociclisti dotati di Telepass ed è valido 365 giorni l’anno, su ogni viaggio e su tutte le tratte, ha finito, presumibilmente, per favorire la fruizione combinata di A58-TEEM e delle opere di compensazione per il territorio pure da parte di ciclisti e camminatori.

Tale sensazione è accreditata dalla circostanza che gli itinerari più battuti da chi, soprattutto nei week-end, opta per l’utilizzo combinato dell’auto e della bici si dipanino attraverso le due zone (il Sud Milano e nel Nord Lodigiano) dimostratesi, a suon di adesioni, maggiormente interessate alla promozione tariffaria in vigore su A58-TEEM.

C’è da supporre, quindi, che, in occasione del Ponte di Ognissanti, Comuni come Vizzolo Predabissi, Melegnano, Cerro al Lambro, Comazzo e Pozzuolo Martesana, lambiti come sono dall’Autostrada e dai percorsi ciclopedonali, si confermino poli d’attrazione per gli escursionisti alla ricerca di aria buona senza dover pagare pegno ai divieti di circolazione.

La rete di mobilità dolce (otto chilometri) adiacente al casello di Vizzolo Predabissi permette, difatti, di inoltrarsi, lungo tracciati protetti, nelle campagne antistanti le sponde del Lambro e di raggiungere l’oasi avifaunistica creata in corrispondenza di un’ex cava rinaturalizzata dalla Concessionaria e diventata rifugio persino di cigni neri.

Sempre i percorsi ciclopedonali (dieci chilometri) garantiscono, inoltre, i collegamenti ecologici tra Comazzo e Merlino, fulcri di una porzione del NordLodigiano bagnata da Adda, Muzza e Fontanile Rile, e conducono alla chiesa bramantesca di San Biagio di Rossate, riportata allo splendore dal restauro finanziato da Tangenziale Esterna SpA.

Seguendo da sud verso est dell’Area Metropolitana la direttrice segnata dai caselli di A58-TEEM, merita una gita fuoriporta pure la rete di mobilità dolce che, partendo da Paullo e da Zelo Buon Persico, consente di ammirare Cascina Villambrera, le riserve umide sul corso della Muzza, la Villa Pompeiana e le Oasi Bosco del Mortone e Garzaia.

L’uscita di Pozzuolo Martesana viene privilegiata, invece, dagli aficionados dell’avifauna desiderosi di inquadrare nei loro binocoli e teleobiettivi gli esemplari di moretta tabaccata, moriglione, svasso, cavaliere d’Italia, airone cinerino e gruccione che hanno nidificato nel santuario del bird-watching in cui è stata trasformata la locale ex cava.

Anche l’ampio territorio solcato dalla Martesana, dal Molgora e del Villoresi che si sviluppa in prossimità dei caselli di Gessate e di Pessano con Bornago calamita, infine, ciclisti e camminatori all’interno di un’area innervata da percorsi ciclopedonali allo scopo di esaltarne l’alto pregio naturalistico e la vocazione all’attività agricola.

Quest’anno l’ultimo fine settimana di ottobre e il Ponte di Ognissanti sembrano cadere, insomma, nei giorni giusti per inquadrare A58-TEEM nell’ottica di un sistema che racchiude in sé non solo un’Autostrada e tante strade gratuite (38 chilometri) ma anche collegamenti di mobilità dolce in grado di esercitare un’azione antismog di tipo strutturale.

2017-10-27T16:01:56+00:00 ottobre 27th, 2017|Notizie|