PSA 4 «CAVO MAROCCO-COLOGNO»

///PSA 4 «CAVO MAROCCO-COLOGNO»

PSA 4 «CAVO MAROCCO-COLOGNO»

L’intervento interessa i territori di Mulazzano, Dresano e Casalmaiocco. Si tratta di un’area a vocazione agricola, a eccezione del limite sud dove l’ingresso in galleria della Tangenziale Est Esterna di Milano corrisponde al limite dell’abitato di Cologno e Dresano (Villaggio Ambrosiano). Il paesaggio è quello caratteristico della pianura irrigua milanese, con un’agricoltura intensiva che risale alle prime bonifiche del Medioevo. Le opere di sistemazione agraria, la rete dei canali irrigui, le siepi e i filari si affiancano agli elementi naturalistici di maggior pregio. La ricchezza d’acqua è, tra le risorse ambientali, quella più significativa. Vi sono corsi storici, fra i quali il Vettabbia, il Ticinello e numerosi fontanili ancora attivi che determinano ecosistemi di notevole interesse ambientale.

Il Progetto Speciale Ambientale interessa in particolare due aree distinte che perseguono obiettivi differenti. Nell’area parallela a Cavo Marocco, fra le Cascine Virolo e Belpensiero, lo spostamento dell’asse autostradale previsto nel Progetto preliminare ha permesso la salvaguardia di un lungo tratto dell’attuale alveo del Cavo attraverso la realizzazione di un sistema di fasce di protezione tra il bordo autostradale e le formazioni vegetali di ripa esistenti.

Al fine di non sottrarre ulteriori suoli di pregio per l’agricoltura della zona, si è scelto di adottare interventi di ingegneria naturalistica per la riconnessione del reticolo idrografico e per la piantumazione di nuovi boschi.

Per quel che concerne la seconda area invece, quella sottesa alla galleria artificiale di Cologno di Casalmaiocco, l’obiettivo dell’intervento mira alla riconnessione, mediante la realizzazione di un parco di frangia urbana, del Villaggio Ambrosiano di Dresano alla località Cologno.

Il progetto ha disposto un’abbondante strutturazione di tipologie a verde disposte su linee curve che, pur mitigando la vista diretta dell’opera connessa, mantiene le relazioni visive tra i due nuclei. Questa soluzione permetterà durante successivi sviluppi progettuali di trasformare la zona da area a esclusivo uso agricolo ad area a verde di pubblica fruizione.

2017-01-31T02:38:22+00:00 dicembre 8th, 2012|Progetti Speciali Ambientali|